Categorie
blog

PallaInTribuna #3 Per fare un Ajax ci vuole l’Ajax (Enzo Palladini)

Quando è sbarcato a Milano, Frank de Boer ha azzardato: ci vorranno quattro mesi per vedere i frutti del mio lavoro. L’hanno sfondato. Nella successiva conferenza stampa ha parlato più ottimisticamente di un mese. Nel frattempo il mese è passato e se il risultato è quello che si è visto contro l’Hapoel Beer Sheva era meglio stare zitti. Bisogna solo capire cosa si vuole dalla vita. De Boer ha fatto giocare bene e vincere l’Ajax, ma l’Ajax gioca bene e vince da un secolo. Per un motivo abbastanza semplice: raccoglie ragazzini bravi in giro per l’Europa e insegna a 6 anni quello che poi dovrà essere applicato a 20. Altro è cercare di mettere insieme una squadra costruita, distrutta e ricostruita da Mancini con qualche residuo della squadra costruita in precedenza da Mazzarri. Non ci si deve stupire vedendo l’Inter che stenta, ma stupirsi che qualcuno si stupisca. Per fare un Ajax ci vuole l’Ajax, nel senso che occorre alle spalle una struttura collaudata ed efficiente. Poi si può anche pensare di fare una buona Inter, o meglio ci si poteva pensare in estate andando a rattoppare i settori già lacunosi con Mancini anziché acquistare di pancia dove magari c’era già abbondanza.

The following two tabs change content below.
Enzo Palladini

Enzo Palladini

Nato a Milano nel 1965, lavora dal 2002 a Premium Sport (ex Sport Mediaset) dopo tredici anni al Corriere dello Sport-Stadio. Numerose le sue pubblicazioni, tra le quali, nel 2010, il libro “Paura del buio – Biografia non autorizzata di Ronaldo”. Nel 2015 ha pubblicato per Edizioni inContropiede “Scusa se lo chiamo futebòl”, incredibili storie e ritratti di campioni brasiliani poco conosciuti. Sempre con questa casa editrice ha pubblicato nel 2016 “L’anno delle volpi”.

2 risposte su “PallaInTribuna #3 Per fare un Ajax ci vuole l’Ajax (Enzo Palladini)”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *