Categorie
blog

i Mondiali di Gino #18

Cominciamo col dire che “sfascio” mi sembra una parola grossa anche dovendo parlare della troppo rapida eliminazione degli azzurri dal Mondiale 2014. Che non avevamo una squadra eccelsa si sapeva: la difesa era superabile e le nostre speranze di andare al gol parevano affidate all’umore di Balotelli (e infatti Prandelli partiva con l’idea di impiegarlo come unico attaccante), quindi assai aleatorie. Però non tutto è da buttare, specie guardando al futuro. Se sarà difficile trovare un altro Pirlo, possiamo contare su Darmian e De Sciglio, su Sirigu, Bonucci e Abate, su Verratti, Insigne e Immobile, per qualche anno ancora su un Montolivo in progresso d’esperienza e naturalmente su un recuperabile Giuseppe Rossi.

franchetti8

Se Prandelli non sarà convinto a ritirare le dimissioni, ci sarà pure qualcuno in Italia in grado di ricavarne una squadra decente. Magari non rinunciando al gioco come si è fatto in Brasile. Correggendo le bozze del mio “Calciatore stanco”, pensate, ho trovato a pagina 73 queste parole: “…così non si vincono le partite, così fai soltanto un inutile possesso palla, una scelta per i mediocri”. Non ricordavo di averle scritte: sembrano quasi un presentimento. Imprevedibile era la falcidie delle europee: nei primi quattro gironi ne sono state eliminate quattro su sette (e potevano essere cinque, senza il colpo di reni della Grecia); fra le altre sette, qualificate Francia e Belgio e con buone possibilità la Svizzera, a rischio di uscire come la Bosnia restavano, se non i tedeschi, Portogallo e Russia. Che sia giunto il momento di ridiscutere i valori predefiniti del calcio mondiale?

 

The following two tabs change content below.
Alberto Facchinetti

Alberto Facchinetti

Nato in provincia di Venezia nel 1982. Laureato presso l’Università di Padova con una tesi sul giornalismo sportivo, ha esordito nel 2011 con “Doriani d’Argentina” (ristampato nel 2013 in una versione ampliata e aggiornata). Nel 2012 è uscito “La Battaglia di Santiago”. Con Edizioni inContropiede ha pubblicato nel 2014 “Il romanzo di Julio Libonatti” e nel 2015 “Ho scoperto Del Piero – La storia di Vittorio Scantamburlo”. www.albertofacchinetti.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *