Categorie
blog

Il rosso, l’azzurro, il bianconero: la storia di Sarri

Un passato da calciatore non certo indimenticabile e una carriera già avviata come dirigente di banca, ma una passione infinita per il calcio che lo porta in panchina a trent’anni. La scalata di Maurizio Sarri dai bassifondi del pallone alla Juventus, passando per Londra, ricorda quella di Arrigo Sacchi, suo maestro e punto di riferimento.

Sarri ha avuto da sempre la voglia di insegnare un calcio diverso anche in un’epoca ancora legata a schemi tradizionali. Lo studio maniacale del gioco, in ogni sua fase, lo porta a perfezionare un’organizzazione, unica nel suo genere, che lo consacra ai più alti livelli sulla panchina del Napoli. Andrea Cocchi ripercorre la carriera dell’allenatore dal principio, senza trascurare le cadute e evidenziando una capacità di cambiare, che spesso non gli viene riconosciuta.

Sarri ha portato a casa dei trofei individuali come le panchine d’oro e d’argento. Eppure gli insegnamenti migliori sono quelli che arrivano dalla sua coerenza. La coerenza in un’idea di gioco, in un modo di concepire il calcio e la vita. E poi c’è il continuo inseguimento di un sogno, quello che ti fa abbandonare il certo per l’incerto solo per poter essere felice, arrivando a sessant’anni alla guida di uno dei club più importanti al mondo. Ma tanto mettersi la tuta e scendere in campo, immaginarsi uno schema su calcio d’angolo, studiare come fermare quel trequartista così forte, è uguale in qualsiasi categoria. I pazzi la pensano così. O i geni.

L’AUTORE

Andrea Cocchi, giornalista professionista, è caposervizio della redazione sportiva di Mediaset. Dopo l’esordio all’Esagono, settimanale brianzolo, inizia l’esperienza televisiva a Telelombardia dove si occupa di sport dal 1996 al 2000, poi è caporedattore al sito Sports.com per due anni. Dal 2002 al 2004 è impegnato nella realizzazione del settimanale Controcampo, nel 2005 passa a Mediaset. È appassionato di tattica calcistica, storia contemporanea, cinema e letteratura.

The following two tabs change content below.
Redazione

Redazione

La casa editrice guarda al passato, ripescando dal baule dei ricordi storie dimenticate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *