Categorie
blog

Il loco di Marsiglia

Restituire il calcio ai tifosi, al di là del risultato, delle vittorie e delle sconfitte. È questo ciò che ha lasciato in eredità Marcelo Bielsa a Marsiglia. Ha riportato l’entusiasmo genuino, il senso di appartenenza nei confronti di quel simbolo che l’Olympique è per la città. La grande vittoria del Loco, quella che sugli albi d’oro non comparirà ma che ha un valore inestimabile. Non ci sono trofei da celebrare, il progetto Bielsa non ha riempito la bacheca dell’OM e allora perché Marsiglia non ha dimenticato quello che potrebbe essere considerata poco più di una scommessa persa, se non addirittura un mezzo fallimento sportivo?

Perché per Bielsa “il successo è un’eccezione. Gli esseri umani qualche volta trionfano, ma di solito progrediscono, combattono, lottano e, di tanto in tanto, vincono. Ma solamente di tanto in tanto”. Fabio Fava racconta il Loco a Marsiglia nella stagione 2014/2015, facendo riferimento anche ai precedenti campionati dell’allenatore, dagli inizi con il Newell’s Old Boys passando per il Cile e Bilbao, sino all’avventura con il Leeds United. La coerenza e l’integrità di Bielsa sono rimaste sempre le stesse.

Prefazione di Matteo Dotto.

PER ACQUISTI

The following two tabs change content below.
Redazione

Redazione

La casa editrice guarda al passato, ripescando dal baule dei ricordi storie dimenticate.

2 risposte su “Il loco di Marsiglia”

Leggere l’avventura di Bielsa a Marsiglia è un po’ come farsi trascinare da un tuo professore d’italiano, severo ma idealista, anticonformista e affascinante. Un anarchico capace di farti innamorare del calcio, del modo di fare calcio. Sono quei professori che puoi odiare o amare alla follia, sai però che un segno su di te lo lasceranno. Uno che non ha vinto come Mourinho o Ancelotti, capace di fare parlare così tanto della sua storia e della sua filosofia, lascerà sicuramente un segno nel calcio. Grazie a Fabio per un ritratto di una stagione in cui si condensa tutto il loco pensiero nelle parole e nei fatti. Non ha un lieto fine, ma questo è calcio non una favola.
Consigliato agli idealisti e ai sognatori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *