Categorie
blog

Il basket tra le sponde della Laguna

Gli storici playground di Venezia e Mestre disegnano una mappa delle città, la distribuzione di una gioventù, un tempo numerosa, che affollava patronati e strutture all’aperto. I “Derby del Ponte” spiegano la genesi di una sfida che appassionava le città. Le storie dei giocatori, che hanno fatto vivere a Venezia e Mestre stagioni di gloria, emozionano ancora oggi a distanza di anni. Sono più di cento i campetti mappati nel nuovo libro di Stefano Pittarello, equamente divisi da una sponda e l’altra del Ponte della Libertà.

Ripercorrere le avventure di chi li ha consumati – un centinaio le voci presenti nel libro – consente di ricostruire i contorni di una rivalita’ sportiva tra Reyer e Basket Mestre, che pur nella sua disparità di forze, ha infiammato per almeno quindici anni un Comune di trecentomila abitanti complessivi, capace di esprimere tra i Settanta e gli Ottanta due realtà in Serie A.

A comporre le due formazioni erano molto spesso giocatori cresciuti in patronati e oratori locali e lanciati poi nel massimo campionato grazie a settori giovanili di primissima qualità. Nei playground sono passati grandi allenatori, tra i quali Ettore Messina tuttora primatista di titoli conquistati, arbitri internazionali come Stefano Cazzaro che ha diretto finali scudetto e di Eurolega, il presidente Pieraldo Celada che dai campetti mestrini ha selezionato e lanciato fior di talenti. E decine di altri, presenti in questo libro.

PER ACQUISTARLO

The following two tabs change content below.
Redazione

Redazione

La casa editrice guarda al passato, ripescando dal baule dei ricordi storie dimenticate.
Redazione

Ultimi post di Redazione (vedi tutti)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.