Categorie
blog news

Dal libro “Due eroi in Panchina” un’opera teatrale premiata a Roma

Al Teatro Antigone di Roma, il 3 febbraio scorso, è stato messo in scena per la prima volta “Il Bradipo e la Carpa”, opera teatrale che ha vinto il premio come Miglior Testo nelle Short Stories del concorso “Settimia Spizzichino e gli Anni Rubati”. Diretto e scritto da Antonio Carnevale, che ha anche recitato al fianco di Riccardo Stincone, “Il Bradipo e la Carpa” è l’adattamento teatrale del volume “Due eroi in panchina” (di Roberto Quartarone, edizioni inContropiede), che narra la vita di Géza Kertész e István Tóth.

I due allenatori ungheresi hanno passato una parte importante della loro carriera in Italia (Kertész, in particolare, ha allenato per quattro stagioni il Catania e ha ottenuto la prima promozione in Serie B) e sono stati fucilati dai nazisti durante la Seconda guerra mondiale per aver organizzato un’associazione di resistenza a Budapest.

È stata proprio la scelta di portare sul palcoscenico la vita di Géza e István, così poco conosciuta, a incuriosire favorevolmente l’organizzazione e gli spettatori. Un primo passo felice per questo lavoro, che nasce con il desiderio di far incuriosire soprattutto i più giovani: il gioco del calcio, la letteratura e il teatro si uniscono per raccontare una vicenda tanto esemplare quanto lo è stata quella dei nostri Due Eroi. La Compagnia Carnevale porterà presto in scena il testo completo.

La Compagnia Carnevale è nata nel 2015 dall’incontro di Antonio Carnevale con alcuni attori diplomati presso la Scuola Civica Paolo Grassi di Milano e l’Accademia Veneta di Venezia. La prima produzione è “Arlecchino trasformato dall’Amore”, seguita da “Le Belle Favole”, “Tra’ti avante, Alichino”, “Ricorditi di me, che son la Pia”. La compagnia collabora con numerose associazioni e realtà del territorio lombardo, nazionale e internazionale.

The following two tabs change content below.
Redazione

Redazione

La casa editrice guarda al passato, ripescando dal baule dei ricordi storie dimenticate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *