guardiola

PERCHE’ GUARDIOLA VUOLE SMETTERE (di Alfredo Sebastiani)

“Rimarrò al Manchester City per le prossime tre stagioni (fino al 2019) o forse anche più, ma comunque si sta avvicinando la fine della mia carriera da allenatore, ne sono certo. Non starò in panchina fino a 60 o 65 anni. Sento che la fase che porta all’addio è iniziata”.

Sono preoccupanti le dichiarazioni di alcune settimane fa di Pep Guardiola. Preoccupanti per chi ama il calcio e anche per gli addetti ai lavori che lo studiano.

Ad ogni modo, questa è la riprova che il modello Barcellona è stato il frutto di un lavoro certosino durato anni. Solo chi viene formato lungamente e duramente su quei principi può giocare quel tipo di calcio senza paura. Pep ora sta vivendo la frustrazione di non poter trasmettere concetti che sono indissolubilmente legati alla formazione a lungo termine di un giocatore.

Secondo me è una questione di equilibri... lui oggi attacca molto bene ma quando perde palla non c’è la reattività e l’organizzazione del suo Barca. Questo lascia sempre in mare aperto i difensori che con la palla giocabile fanno fatica a gestire spazi ampi.

Guardiola però è un grande e come tutti i grandi potrebbe tornare a stupirci ancora una volta.

The following two tabs change content below.
Alfredo Sebastiani

Alfredo Sebastiani

Allenatore e scrittore. Alla guida del SudTirol ha vinto nel 2010 un campionato di Lega Pro Seconda Divisione. Nel 2014 è stato al Watford nello staff di Giuseppe Sannino. A breve Edizioni inContropiede pubblicherà un suo giallo ambientato nel mondo del ciclismo amatoriale.