maradona-veron

IlRomanzoDiDiego #2 I litigi tra Maradona e Veron dal 2000 ad oggi (Alberto Facchinetti)

  • Veron e Maradona si toccano appena quando manca poco alla fine del primo tempo, Diego scivola a terra. Non è educazione far cadere Dio proprio nella partita della pace voluta a Roma da Papa Francesco. Ma Veron non ha nessuna colpa e allora Maradona cerca l’ex amico per dargli il cinque, che gli viene rifiutato. “Yo no te boludeo”, gli urla Maradona mentre imboccano il tunnel verso gli spogliatoi dell’Olimpico. Veron rimane freddo come un pezzo di ghiaccio.

Ottobre 2016

 

  • Gerardo Martino dice addio alla Seleccion argentina. Serve subito un ct e la Federazione albiceleste interpella Veron, presidente dell’Estudiantes, per un parere sul nuovo tecnico. Maradona vuole dire la sua, Veron fa finta di non sentire.
    “Veron è un traditore che si atteggia a dirigente. Uno con cui non voglio più avere nulla a che fare. Né con lui né con il padre”.
    “Non so a cosa si riferisca Maradona. Ciò che dice è poco serio e non m’interessa. Le sue parole sono di scarsa rilevanza”.

Luglio 2016

 

  • Prima del Mondiale 2010 Maradona, ct dell’Argentina, va a La Plata nel centro di allenamento dell’Estudiantes. Veron vuole sapere quale sarà il suo ruolo nella Seleccion (capitano senza fascia, ma titolare). In Sudafrica Maradona però capisce che Veron non ha le capacità dinamiche e la tenuta fisica e lo relega in panchina. La Streghetta si arrabbia, saranno vani i tentativi di mediazione dell’assistente allenatore Mancuso

Luglio 2010

 

  • Dopo quattro anni di amicizia (nel 96 sono insieme nel Boca, Veron giovanissimo e Maradona a fine carriera dividono la stanza) qualcosa si rompe e nella autobiografia “Yo soy el Diego” Maradona scrive:  “Ha perso una buona occasione di stare zitto con alcune dichiarazioni fatte su di me, l’ha persa di brutto. E questa è una questione senza soluzione”.

2000

The following two tabs change content below.
Alberto Facchinetti

Alberto Facchinetti

Nato in provincia di Venezia nel 1982. Laureato presso l’Università di Padova con una tesi sul giornalismo sportivo, ha esordito nel 2011 con “Doriani d’Argentina” (ristampato nel 2013 in una versione ampliata e aggiornata). Nel 2012 è uscito “La Battaglia di Santiago”. Con Edizioni inContropiede ha pubblicato nel 2014 “Il romanzo di Julio Libonatti” e nel 2015 “Ho scoperto Del Piero – La storia di Vittorio Scantamburlo”. www.albertofacchinetti.it