autori

Andrea Bacci, classe 1970, è laureato in Scienze Politiche e vive nella Valdichiana. Autore di lungo corso di letteratura sportiva, scrive soprattutto di calcio e boxe. Proprio raccontando il pugilato ha ottenuto i maggiori successi. Nel 2007 ha vinto il premio Selezione Bancarella Sport con il libro “L’ultimo volo dell’Angelo biondo” (Limina, 2006). “Essere Mike Tyson” (Limina, 2011) e “Muhammad Ali. Storia di una rivoluzione” (Ultra, 2013) hanno avuto ottimi riscontri di vendita e critica.

Roberto Brambilla, giornalista professionista, è nato nel 1984 a Sesto San Giovanni. Appassionato di Germania e di storia, scrive di sport per Avvenire e MondoFutbol. “C’era una volta l’Est” è il suo esordio.

Lorenzo Fabiano nasce il 2 febbraio del 1966 a Verona, dove vive. Da sempre grande appassionato di sport, segue sin da bambino l’Hellas Verona. Giornalista pubblicista, collabora con la redazione sportiva de L’Arena. Ha esordito con “Thoeni vs Stenmark – L’ultima porta”.

Alberto Facchinetti è nato in provincia di Venezia nel 1982. Laureato presso l’Università di Padova con una tesi sul giornalismo sportivo, ha esordito nel 2011 con “Doriani d’Argentina” (ristampato nel 2013 in una versione ampliata e aggiornata). Nel 2012 è uscito “La Battaglia di Santiago”. Con questa casa editrice ha pubblicato nel 2014 “Il romanzo di Julio Libonatti” e nel 2015 “Ho scoperto Del Piero – La storia di Vittorio Scantamburlo”
www.albertofacchinetti.it

Gino Franchetti, nato a Milano nel 1943, è un giornalista sportivo. Ha lavorato alla Gazzetta dello Sport, a Stadio, al Giorno, prima di assumere le funzioni di responsabile delle relazioni esterne e dell’attività editoriale del F.C. Internazionale e concludere la carriera collaborando con il Corriere della Sera. Ha cominciato a occuparsi della Nazionale di calcio nel 1966 e ha seguito cinque Mondiali. Tra i suoi libri di calcio “Il mio amico Nils”, affettuoso ricordo di Liedholm. “Il calciatore stanco” è il suo primo romanzo.

Luigi Guelpa è nato nel 1971. Giornalista professionista e scrittore, segue da inviato per il Secolo XIX i principali eventi di cronaca e costume in Africa e Medioriente. Nel 2010 ha vinto il Premio Dardanello (miglior giovane giornalista italiano). Nello stesso anno con il libro il “Tackle nel Deserto” ha vinto il premio Selezione Bancarella Sport.

Carlo Martinelli è nato a Trento, dove vive, nel 1957. Giornalista, scrittore, ex libraio, campione di telequiz. E’ autore di “Storie di pallone e bicicletta“, “Un orso sbrana Baricco” e “Campo per destinazione – 70 storie dell’altro calcio”. Per vent’anni ha lavorato all’”Alto Adige” e al “Trentino”, quotidiani dei quali tuttora cura la pagina Libri. E’ autore ed interprete della conferenza spettacolo “Un libro ogni trenta secondi”. Il suo blog di sport & letteratura, “Palle di carta”, è ospitato dai quotidiani locali del Gruppo Repubblica Espresso. Tifa calcio (gegen den modernen fussball), volley (è l’opposto di carta), Stan Laurel & Oliver Hardy e Van der Graaf Generator. Se in facebook trovate l’Archivio Martinelli, restituiteglielo. E’ suo.

Federico Mastrolilli è nato a Roma nel 1983. Nel 2009 ha fondato con un gruppo di amici il blog di scritture calcistiche Lacrime di Borghetti. Ha pubblicato un romanzo generazionale (“Pulperopoli. Trash Viados Amore”, Sovera, 2001) e una strana biografia (“Mourinho immaginario. Un’educazione sentimentale”, Lìmina, 2010, con le illustrazioni del suo grande amico Ricardo Cavolo). Per questa casa editrice ha curato nel 2015 la raccolta di racconti collettiva “Memorie dell’Europa calcistica. L’Erasmus del pallone”.

Enzo Palladini è nato a Milano nel 1965, lavora dal 2002 a Premium Sport (ex Sport Mediaset) dopo tredici anni al Corriere dello Sport-Stadio. Numerose le sue pubblicazioni, tra le quali, nel 2010,  il libro “Paura del buio – Biografia non autorizzata di Ronaldo”. Nel 2015 ha pubblicato per Edizioni inContropiede “Scusa se lo chiamo futebòl”, incredibili storie e ritratti di campioni brasiliani poco conosciuti. Sempre con questa casa editrice ha pubblicato nel 2016 “L’anno delle volpi”.

Roberto Quartarone, nato a Catania nel 1986, è giornalista per “La Sicilia” e “Quotidiano di Sicilia” e ha fondato il blog BasketCatanese.it. Ha scritto “Il libro d’oro del basket catanese” (2013) ed è coautore di “Tutto il Catania minuto per minuto” (2010).

Jvan Sica (Salerno, 1980) è uno scrittore con il desiderio di portare la letteratura sportiva sugli scaffali migliori delle librerie. Ha scritto “L’Europa nel pallone. Stili, riti e tradizioni del calcio europeo”, “Una stella cometa. Biografia di Andrea Fortunato”, “Italia, 1982”. Fa parte del gruppo di scrittori “Sport in punta di penna” e da anni tiene il blog “Letteratura sportiva”. Lontano dal computer fa la mezzala.
letteraturasportiva.primosu.it

Sport in punta di penna è il nome collettivo che si è dato un gruppo di scrittori di letteratura sportiva, che raggruppa il meglio dei scrittori italiani di sport, emergenti ed affermati. Fanno parte del collettivo: Andrea Bacci, Marco Ballestracci, Stefano Bedeschi, Alessandro Bassi, Alberto Facchinetti, Renato Favretto, Stefano Ferrio, Rudi Ghedini, Davide Grassi, Marco Impiglia, Lorenzo Longhi, Riccardo Lorenzetti, Federico Mastrolilli, Vincenzo Paliotto, Pier Francesco Pompei, Maurizio Puppo, Jvan Sica, Sergio Taccone.
www.scrittoridisport.it

Lacrime di Borghetti è da anni uno dei blog di scritture calcistiche più seguiti della rete. Il blog è figlio delle corrispondenze calcistiche di quattro intellettuali del pallone (sigosiendobostero, gegenschlag, el señor dionigi e tato, ai quali ben presto si è unito anche nesat gulunoglu, e dopo un po’ anche lo zio di holloway), e, come tale, è uno spazio libero e privo di qualsiasi finalità commerciale, come il bar sotto casa con i giornali aperti sul frigo dei gelati. manca solo il flipper. Gli autori sono Raymond Antonin, Gian Mario Bachetti, Marica Benini, Luigi de Biase, Fabrizio Gabrielli, Tommaso Giancarli, Federico Mastrolilli, Francesco Olivo, Andrea Romano e Lorenzo Toppini.
www.lacrimediborghetti.com

Em Bycicleta. Presidio di fabulazione sportiva, è nata in un’osteria di Lodi, nel dicembre del 2003. È un nome collettivo che raccoglie ‘sognatori e balenghi’ uniti in un’idea di sport diversa da quella proposta dallo show-business. Sport come metafora di vita, fonte di ‘favole’, nutrimento dei brevi sogni dei poveri che siamo stati, ora che il rischio è di diventare miserabili di mente e di cuore.

 

PREFAZIONI A CURA DI

Roberto Beccantini è nato a Bologna il 20 dicembre 1950. Giornalista professionista dal giugno 1972. Dal 1970 dieci anni a Torino, nella squadra di Tuttosport, con la quale debuttò come capo-rubrìca del basket; dal 1° marzo 1981, a Milano, dieci anni alla Gazzetta dello Sport, come responsabile del calcio internazionale. Ha seguito nove Olimpiadi estive, da Monaco 1972 a Pechino 2008 (meno Sydney 2000), Giochi invernali di Torino 2006; nove Mondiali di calcio, da Argentina 1978 a Sudafrica 2010; otto campionati d’Europa di calcio, tutte le finali di Champions League dal 1992 al 2010 più altre finali sparse. È stato giurato italiano del «Pallone d’oro». Collabora con il “Guerin Sportivo” e “il Fatto quotidiano”. Sport preferiti: atletica, basket, calcio. Juventino dai tempi di Omar Sivori, è sposato con Liliana, interista, e vive a Milano.

Alessandro Del Piero (Conegliano, 9 novembre 1974), capitano della Juventus dal 2001 al 2012, ha segnato in tutte le competizioni a cui ha partecipato con la squadra, della quale detiene il primato assoluto di reti (290) e di presenze (705). Campione del Mondo con la nazionale azzurra nel 2006. Con la Juventus ha vinto sei scudetti, una Champions League, una Coppa Intercontinentale, una Supercoppa Europea. Ha chiuso la carriera in India , dopo aver giocato due stagioni in Australia.

Gian Paolo Ormezzano  Giornalista-torinista entra a “Tuttosport” nel 1953, per scalare tutte le posizioni fino a quella di direttore, ruolo che ha ricoperto dal 1974 al 1979. Passa poi a “La Stampa” come inviato speciale. Nella sua lunga carriera ha coperto 24 Olimpiadi, seguito 28 Giri d’Italia e 12 Tour de France, oltre a Mondiali di calcio, atletica e Formula 1. Ha raccontato quasi 50 anni di sport. Tuttora è commentatore di molte trasmissioni televisive in qualità di giornalista. Lunga la sua carriera anche come scrittore: “Enzo Bearzot, Storia del calcio”, “Tutto il calcio parola per parola”, “Il Grande Torino”, “Il tifo e lo schifo”.

Stefano Bizzotto Cronista Rai e voce ufficiale della Nazionale di Calcio in tv, inizia la sua carriera nel 1982 presso il quotidiano Alto Adige prima come collaboratore sportivo, poi, assunto, in cronaca di Bolzano. Nel 1986 passa alla Gazzetta dello Sport. Attualmente è conduttore e telecronista RAI, dove si occupa di sport internazionale ed in particolare realizza telecronache di calcio internazionale, tiro al volo, tiro a segno, tuffi, hockey su ghiaccio e sci. Nella seconda metà degli anni novanta inizia a commentare le partite di calcio. Conduttore di trasmissioni sportive della Rai.

Giancarlo De Sisti Ex giocatore (“regista di centrocampo tutto concretezza e pochi svolazzi”), allenatore di calcio, dirigente sportivo, campione europeo nel 1968 e vice-campione mondiale nel 1970 con la Nazionale italiana. Soprannominato Picchio (trottola in romanesco), vinse a livello di club uno scudetto, due edizioni della Coppa Italia, una Coppa Mitropa e una Coppa delle Fiere in quasi vent’anni di carriera professionistica. Inoltre con la squadra gigliata, perse tre finali di coppe internazionali, la Coppa delle Alpi, Coppa Mitropa e la Coppa Anglo-Italiana. Terminata la carriera è diventato giornalista.

Alessandro Duran, figlio e fratello d’arte, è stato uno dei migliori pugili italiani degli anni Novanta. Dei pesi welter è stato più volte campione italiano, quindi due volte mondiale per la Wbu e per ben tre volte campione europeo. Chiusa la carriera agonistica nel 2002 con cinquantuno vittorie (sedici prima del limite) e dodici sconfitte, è da alcuni anni apprezzato commentatore tecnico per svariate emittenti. Insieme al telecronista Fabio Panchetti e a Linus, nella notte del 2 maggio 2015 ha commentato il match tra Mayweather e Pacquiao.

Darwin Pastorin, figlio di emigranti veronesi in Brasile, dove nasce, mazzediese di adozione, ha lavorato due anni al Guerin Sportivo per vent’anni a Tuttosport, è stato direttore della redazione sportiva di Tele+, successivamente di Stream TV e nel settore Sport di SKY Italia.

Gianni Brera, (San Zenone al Po, 8 settembre 1919 – Codogno, 19 dicembre 1992), è stato un giornalista e scrittore italiano. Grazie alla sua inventiva e alla sua padronanza della lingua italiana ha lasciato una profonda impronta sul giornalismo sportivo italiano del XX secolo, con un lascito di numerosissimi neologismi da lui introdotti e accolti nell’uso del linguaggio calcistico.

Carlo Pizzigoni è nato a Pero, periferia milanese, dove vive. Ma spesso lo trovate in qualche tribuna, non sempre di nuova costruzione, o in qualche bar, quasi mai alla moda, del Sudamerica, dove osserva e discute di fútbol. È, insieme a Federico Buffa, autore di tutta la serie di «BuffaRacconta», da cui è tratto il suo primo libro, Storie mondiali, pubblicato con grande successo da Sperling & Kupfer. Collabora con Sky ed è direttore del primo sito di calcio internazionale d’Italia, MondoFutbol. Ha scritto per La Gazzetta dello Sport, Guerin Sportivo, Rivista Undici, Il Venerdì di Repubblica e per il quotidiano svizzero Giornale del Popolo.

Pietro Nicolodi

The following two tabs change content below.
No comments yet.

Lascia un commento